“Il Metodo Montessori” è tra i sistemi educativi più famosi al mondo, ma quanto realmente lo conosciamo?

Il Metodo Montessori è il sistema educativo sviluppato da Maria Montessori, praticato in più di 60.000 paesi nel mondo (con maggiore concentrazione negli Stati Uniti, Canada, in Germania, nei Paesi Bassi e nel Regno Unito), al servizio dei bimbi dalla nascita fino alla maggiore età.

Il metodo si fonda sul concetto di indipendenza, sulla libertà di scelta del proprio percorso educativo (entro limiti codificati) e sul rispetto per il naturale sviluppo fisico, psicologico e sociale del bambino.

Seppure il metodo ideato dalla psichiatra Maria Montessori sia uno dei sistemi educativi più noti al mondo, i suoi principi sembrano essere più conosciuti all’estero che in Italia. Non mancano ovviamente le scuole che lo adottano nel nostro paese, sia primarie che secondarie (a Milano solo quest’anno ad esempio, se ne sono aggiunte quattro).

Il metodo non punta alla valutazione della performance e al confronto fra i più bravi e meritevoli, ma si impone di ricreare tutte le condizioni affinché venga naturalmente sviluppato il potenziale di ogni bambino.

Il metodo Montessori per tutti’ è un nuovo saggio delle pedagogiste Laura Beltrami e Lorella Boccalini (Bur Rizzoli Parenting editore), che aiuta ad orientarsi all’interno del mondo Montessori.

https://www.amazon.it/Montessori-Comprenderlo-appieno-educare-allautonomia/dp/8817095605

La casa è il primo luogo abitato dai bambini, là devono iniziare a muoversi sentendosi padroni. Solo così se ne prenderanno cura. Cameretta per sé o condivisa non importa, l’importante è che il piccolo acceda da solo ai suoi giochi senza dover aspettare che sia qualcuno a proporglieli.

Ci vuole pulizia: troppi giocattoli non servono. Eliminate quelli che usava da piccolo e date spazio ai giochi che lo incuriosiscono ora. Lasciate spazio libero per muoversi, senza dovere fare largo fra impicci e giochi che non sua neanche più.
La camera non è fatta solo di giocattoli. anche i mobili devono essere accessibili direttamente dal bambino. Tavolino, sedia, tappeto, libreria, lettino: deve raggiungerli da solo e usarli per i suoi bisogni, per riposarsi, leggere, giocare, scoprire.

Una sola zona esclusiva non basta. Oltre alla sua stanza anche la sala e il resto della casa devono permettere movimenti liberi ai piccoli.

L’ordine è importante, non solo la pulizia. Riordinando la loro camera gli adulti ammucchiano da una parte, ripongono i giochi secondo un metodo loro e non dei propri figli.

Sono numerose le scuole che propongono il sistema educativo Montessori a Winnipeg: https://www.google.ca/maps/search/montessori+school/@49.8798634,-97.2345117,11.77z

A titolo d’esempio proponiamo di seguito due istituti:

Winnipeg Montessori.

Nata nel 1967 si tratta di una delle più antiche e rispettate scuole Montessori. http://winnipegmontessori.com/en/home

Riverview Montessori.
Da oltre 30 anni offre corsi di studio e crescita ai bambini della comunità secondo il metodo Montessori.
http://riverviewmontessori.ca

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...